Alessandro Spadola Ambasciatore per il Turismo del Principato di Monaco

04.04 Alessandro Spadola nominato “Ambasciatore per il Turismo di Affari del Principato di Monaco”. Il prestigioso riconoscimento è stato ufficializzato lo scorso 30 marzo a Villa Tasca a Palermo, in occasione del 3° incontro Istituzionale del “Club Ambasciatori”. La cerimonia di consegna delle pergamene è stata presieduta da Emanuele Bruno, Console di Monaco a Palermo e Capo Progetto del "Club Ambasciatori".
“Sono onorato – afferma il direttore generale di Caffè Moak – di rappresentare, insieme ad altri imprenditori e professionisti siciliani, il nostro territorio. Questa nomina non rappresenta un titolo, ma un impegno per intrecciare nuovi rapporti con il Principato di Monaco e rafforzare le relazioni con l’Italia, nell’ottica di promuovere non solo iniziative commerciali, ma anche eventi che vanno dal campo medico e della ricerca al settore turistico e sportivo”.

Il Club Ambasciatori del turismo d’affari di Monaco è nato in Italia da un’idea di Gianmarco Albani, già direttore della Direzione del Turismo del Principato. Oggi raggruppa oltre 200 Ambasciatori, rappresentanti del mondo dell’imprenditoria, della ricerca e delle associazioni di categoria che operano nelle città italiane di Venezia, Firenze, Milano, Torino, Roma, Napoli, Cagliari e Palermo.

In primo piano

CONCORSI
concorsi

Far conoscere le capacità di eclettici talenti e diffondere il bagaglio intellettuale attraverso diverse forme d'arte è ciò che si prefigge il progetto Moak Cultura promuovendo i concorsi.

MOAK PEOPLE TRAINING

Moak People Training è il percorso formativo pensato sia per i giovani, che vogliono apprendere il mestiere del barista, sia per i professionisti del caffè, che desiderano certificare le proprie competenze e sfruttarle a livello internazionale. Accedi al sito di MPT

PRODUCTS
product

Per dare carattere alle caffetterie abbiamo creato tre linee di prodotti che rispecchiano tre modi di essere unici: Aromatik, Colonial, Essential. Celebriamo i nostri primi cinquant’anni con ciò che sappiamo fare meglio: guardare al futuro.