Moak e "Le Soste di Ulisse"

14.11 Caffè Moak sarà partner de Le Soste di Ulisse al convegno “La Sicilia è un continente”, l'evento che si terrà domenica 20 e lunedì 21 novembre a Villa Igiea a Palermo. Alla convention siciliana, che vedrà i migliori chef internazionali protagonisti con le loro interpretazioni culinarie, Caffè Moak presenterà la linea di Monorigini, una selezione di speciality coffee delle più pregiate qualità di Arabica al mondo.
Moak ha seguito fin da principio la strada dell’innovazione coniugata a una produzione di tipo artigianale, credendo fermamente in questo modello d’impresa e nel valore culturale che pone sempre l’attenzione alle persone e al loro ambiente. Per questo, convinta e consapevole di questa idea, parla direttamente con i piccoli produttori dei Paesi equatoriali, visita le loro piantagioni, terre incontaminate e libere da pesticidi. In questi luoghi, dove le piante sono pure, Moak ha selezionato le migliori qualità di caffè, dando vita alla nuova gamma di monorigini. Per rispettare le loro proprietà e garantirne la freschezza, ogni qualità viene tostata singolarmente con metodo artigianale nella Petroncini da 15 kg, la prima tostatrice acquistata da Giovanni Spadola nel 1967, di nuovo in funzione per rendere omaggio alle “origini”.
Domenica 20 e lunedì 21, Marco Poidomani - trainer di Moak People Training e AST – farà degustare tre monorigini: l'Old Kent, caffè indiano che ha appena ricevuto la Medaglia d'Oro all'International Coffee Tasting 2016 - il più grande concorso internazionale di caffè- ; l'Orquidea, un Arabica Catuai, proveniente dalla splendida terra del Costa Rica, dove la raccolta a mano e le tecniche di lavorazione fanno di questo monorigine uno dei caffè più raffinati al mondo e il Remera, un pregiato Arabica Bourbon degli altopiani ruandesi.
I tre speciality coffee saranno estratti, oltre che con metodo espresso, con altri tipi di estrazione, tra cui il Chemex e il Syphon.
“Le abitudini del consumatore – spiega Marco Poidomani – stanno cambiando: come per il vino, degustare un caffè vuol dire concedersi nuovi percorsi sensoriali, conoscere la storia e la provenienza del chicco, quali proprietà organolettiche svela al palato una determinata miscela. Ancor più per il caffè monorigine, che necessita di una maggiore conoscenza e di tempi più lunghi, dalla produzione, alla tostatura, all'estrazione in tazza, ma che dona ai veri cultori del caffè un gusto e un aroma unici.”
Durante la due giorni, ospiti e chef potranno degustare, inoltre, l'espresso Moak della miscela top Aromatik.Il caffè, quindi, non solo espresso al bar, preso al volo o durante una pausa, ma anche ingrediente di un piatto gourmet e bevanda che chiude un pasto. Per questo sempre più chef trattano il caffè come elemento importante nella presentazione e nella ritualità del fine pasto. Uno strumento per avvicinarlo alla conoscenza e quindi aiutarlo nella scelta, è la “carta dei caffè”, che Moak da anni propone con un ventaglio di diverse miscele. “A queste – conclude Poidomani – si possono abbinare infusioni di caffè monorigine, con caratteristiche di altissimo livello e da gustare più lentamente”.
“La partnership con Le Soste di Ulisse – dice Annalisa Spadola, direttore marketing di Caffè Moak – è un ulteriore pretesto per parlare non solo di bellezza e arte culinaria, ma anche per affrontare e condividere con responsabilità, in veste di azienda siciliana, temi importanti come quelli legati al territorio, al suo futuro in materia di turismo e di valorizzazione delle eccellenze”.

In primo piano

Caffè Letterario 2017

05.06 Andrea Vitali, autore da oltre tre milioni e mezzo di copie vendute in Italia, sarà il presidente di giuria della XVI edizione di Caffè Letterario Moak.

Moak premia Catena Fiorello

24.07 Al Gala conclusivo di ”Taomoda 2017”, nella splendida cornice del Teatro Antico, c'era anche Caffè Moak, partner della rassegna dedicata alla moda internazionale che si è svolta dal 15 al 22 luglio a Taormina.

Fuori Fuoco 2017

22.07 Laura Serani presidente dell'edizione 2017 del concorso internazionale di fotografia Fuori Fuoco Moak. Vive a Parigi dove ricopre il ruolo di Présidente du Jury presso Prix Résidence pour la Photographie de la Fondation des Treilles.