Dettaglio della tazzina per espresso Moak

Cinque emme

La preparazione di un buon espresso è una vera e propria arte che si base sulla regola delle "4 emme", ovvero Miscela, Macinadosatore, Macchina e Mano. Moak ne ha aggiunto una quinta, la Manutenzione, perché ha una grande influenza nel risultato finale.

Dalla Miscela dipende il gusto l’aroma e il corpo del prodotto finale. Moak ne propone una vasta gamma, in grado di soddisfare i differenti gusti dei consumatori, anche quelli più esigenti. Il Macinadosatore va scelto in base alle sue caratteristiche, per ottenere il giusto grado di macinatura del caffè e per non compromettere la preparazione della bevanda. Inoltre, l’eventuale usura di questo elemento può avere effetti negativi nel prodotto finito, come l’alterazione delle caratteristiche organolettiche o un espresso dal gusto bruciato. Perché il caffè in tazzina abbia il giusto equilibrio, occorre scegliere anche la Macchina espresso più idonea in base alle proprie esigenze e seguire gli standard di pressione, temperatura e dosi suggeriti dal proprio torrefattore. La quarta M è la Mano, cioè l’abilità del barista addetto alla preparazione dell'espresso. L’esperienza, infatti, permette di gestire nel migliore dei modi le varie fasi per ottenere un ottimo caffè in tazza.

Moak raccomanda anche la quinta M, una corretta Manutenzione. Una costante pulizia e depurazione della macchina influisce nel gusto e nell’aroma del prodotto offerto ai propri clienti.

In primo piano

Caffè Letterario 2017

05.06 Andrea Vitali, autore da oltre tre milioni e mezzo di copie vendute in Italia, sarà il presidente di giuria della XVI edizione di Caffè Letterario Moak.

Moak premia Catena Fiorello

24.07 Al Gala conclusivo di ”Taomoda 2017”, nella splendida cornice del Teatro Antico, c'era anche Caffè Moak, partner della rassegna dedicata alla moda internazionale che si è svolta dal 15 al 22 luglio a Taormina.

Fuori Fuoco 2017

22.07 Laura Serani presidente dell'edizione 2017 del concorso internazionale di fotografia Fuori Fuoco Moak. Vive a Parigi dove ricopre il ruolo di Présidente du Jury presso Prix Résidence pour la Photographie de la Fondation des Treilles.